Le Dimore del Garibaldi > Scoprire il territorio > Gastronomia

Gastronomia

Sempre proposti con la stessa cura ed attenzione tradizionale sono i tipici piatti della cultura contadina.

In generale fatta di sapori forti, la cucina tipica di Cassano è la stessa che affonda le sue radici nella cultura della murgia, indissolubilmente legata alle coltivazioni di ortaggi, alla raccolta del grano, all’allevamento di bovini e ovini.

Ottimi formaggi freschi e stagionati prodotti con latte di pecora, ben si legano ad altre specialità soprattutto a base di “carne”. Tra queste si ricordano le costate di agnellone con cipolla allo spiedo, la salsiccia di vitello arrosto, o il caratteristico coniglio “fuoco sotto e sopra”: un tipico piatto a base di coniglio, patate e lampascioni, preparato in una pignatta di terracotta adagiata e poi completamente ricoperta da carboni di legna.

Ma non mancano i legumi che – come da tradizione –  possono essere gustati in una gustosa zuppa condito con olio di oliva crudo, o con la pasta: le massaie del luogo preparano ancora a mano i caratteristici cavatelli o le tipiche orecchiette baresi. Tra tutti i legumi spicca per unicità e caratteristiche organolettiche ed olfattive il “cece nero”.

Abbinare queste gustose pietanze con gli ottimi vini locali ricavati da vitigni autoctoni è un autentico privilegio. Il primitivo, il rosso, il moscato, sono solo alcune delle produzioni locali che traggono la loro fortuna dalla conformazione del territorio caratterizzata da un terreno calcareo ricco di sali minerali e povero di acqua.

Anche i dolci trovano il loro spazio e a fare da regina nella pasticceria locale è la mandorla: sotto forma di Pasta Reale (ovvero la pasta di mandorle) e torte rosate, ma anche consumata al naturale, da sgranocchiare semplicemente dopo una leggera tostatura che la priva della buccia; una delle modalità di consumo più frequente è caramellata sotto forma di croccante. Altro dolce tipico è la cartellata: le cartellate sono delle crespelle fritte o  al forno, aventi la caratteristica forma di roselline di pasta con i bordi seghettati, come piccole coroncine. Possono essere passate nel vincotto, nel miele, e vengono gustate solitamente nel periodo natalizio.

Gli stessi tratti della cucina di Cassano, gli stessi odori, i medesimi sapori è possibile ritrovarli anche spostandosi di qualche chilometro girovagando tra i centri abitati vicini, e soffermandosi ad apprezzare i profumi che la tavola della murgia è in grado di proporre ai palati più sofisticati. Una infinita commistione di prodotti donati dalla natura e sapientemente trasformati dalle mani dell’uomo. In tutto il territorio circostante è possibile assaporare una varietà infinita di salumi e insaccati rigorosamente preparati secondo ricette tradizionali e con carni locali. Le specialità di carne sono un fiore all’occhiello della cucina della Murgia: dalla preparazione della pecora in caratteristiche anfore di terracotta con verdure, alle preparazioni come gli involtini con budella di agnello, dai “tegami” con carne di cavallo ai numerosi piatti che prevedono l’utilizzo del maiale.